Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
logo cercassicurazioni.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

RC Auto: il prezzo medio è di 353 euro

Il prezzo medio pagato per l'RC Auto è ancora in discesa. Il calo è di circa 14 euro su base annua. Il costo del premio risulta, però, ancora eterogeneo tra le province. Gli assicurati di Napoli pagano 533 euro, mentre a Enna il costo dell'RC è di 258 euro.

Pubblicato il 17/08/2022
famiglia a bordo di un'auto con prato con girasoli come sfondo
L'RC Auto è meno cara a inizio 2022

L’RC Auto è meno cara. Il prezzo medio dei contratti è di 353 euro nel primo trimestre 2022. È quanto emerge dall’ultimo Bollettino Statistico Iper a cura dell’Ivass. Dal report emerge un calo di 14 euro (-3,8%) su base annua. Rispetto a 8 anni fa, la contrazione è poi ancor più evidente: il prezzo medio si è ridotto infatti di 143 euro rispetto al primo trimestre del 2014 (-28,8%).

Oggi la metà degli assicurati paga meno di 317 euro per l’assicurazione auto, il 90 per cento meno di 559 euro e il 10 per cento arriva a versare addirittura meno di 186 euro per la copertura del proprio veicolo. I prezzi risultano comunque ben diversi a seconda della provincia di residenza. Gli assicurati di Napoli pagano 533 euro, quelli di Caserta 478 euro e quelli di Prato 504 euro. Parliamo di prezzi superiori al premio medio nazionale. Tra le province italiane meno costose ci sono, invece, Pordenone (273 euro), Oristano (267 euro) ed Enna (258 euro).

Il differenziale tra Aosta e Napoli è di 252 euro

A presentare il segno meno, oltre al costo medio dell’RC Auto, è anche il differenziale dei premi tra le province di Napoli e Aosta. Attualmente la differenza di costo è di 252 euro (533 euro a Napoli e 281 euro ad Aosta). Il gap risulta in calo dell’11 per cento su base annua. Rispetto al primo trimestre del 2014 la contrazione è del 48,2%. Per l’Unione Nazionale Consumatori sebbene si tratti di un passo in avanti, la diminuzione dell’11 per cento è ancora inadeguata.

Confronta le migliori RC Auto e risparmia Fai subito un preventivo

La scatola nera

Secondo l’indagine dell’Ivass la scatola nera viene installata soprattutto in province che presentano un livello del premio particolarmente alto. I contratti con scatola nera stipulati nel primo trimestre del 2022 sono pari al 21,1%. È stato registrato un aumento generale fino a metà del 2020, mentre nel primo trimestre del 2022 abbiamo assistito a un crollo di quattro decimi di punto percentuali su base annua.

La distribuzione del dispositivo, utile per registrare tutte le informazioni riguardanti il mezzo di trasporto e il comportamento del guidatore, è più massiccia in alcune zone, quali: Caserta (65,0 per cento), Napoli (52,7 per cento) e Crotone (39,2 per cento). Il tasso di penetrazione della black box è invece minimo a Bolzano (4,4 per cento) dove il livello del premio non è affatto alto. Dal Bollettino dell’Ivass emerge anche che la differenza del tasso di penetrazione della scatola nera tra Napoli e Milano si attesta a 35,8 punti percentuali. Ciò vuol dire che il volume di contratti con scatola nera nel capoluogo campano è almeno il triplo rispetto alla città meneghina.

Quanto pagano gli under 25?

I prezzi per l’RC Auto cambiano anche a seconda della fascia d’età. Nel primo trimestre del 2022 gli assicurati fino a 24 anni hanno pagato 312 euro in più rispetto a quelli con età compresa tra 45 e 59 anni (662 euro contro 349 euro) e 325 euro in più rispetto agli over 60 (337 euro). Il gap di prezzo che c’è tra i più e i meno giovani è legato al fatto che i contraenti under 25 siano presenti in classi di bonus/malus più elevate. Dai dati emerge infatti che il 74,5 per cento degli assicurati più giovani è in classe 1 rispetto al 90,5 per cento degli over 60.

In linea generale, comunque, tutti gli assicurati hanno potuto contare su una flessione dei prezzi, anche se in misura differente: gli under 25 risparmiano in media 83 euro contro i 150 euro degli assicurati con età compresa tra 45 e 59 anni. Rispetto al primo trimestre del 2014, comunque, il premio medio per gli assicurati più giovani è sceso dell’11,2 per cento. L’Ivass nel suo Bollettino rivela che il differenziale di premio tra under e over 25 è pari a 352 euro al Sud Italia e a 292 euro a Nord-Ovest.

A cura di: Tiziana Casciaro