Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
logo cercassicurazioni.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Massimali RC Auto: novità da giugno 2022

Il premio assicurativo corrisposto da un contraente può variare in base a differenti parametri, come il massimale, la cifra massima erogata dalla compagnia in caso di sinistro. Dall'11 giugno 2022, però, i massimali minimi sono stati aggiornati. Si è solo in attesa della delibera del MISE.

Pubblicato il 15/06/2022
monete e freccia rialzista con auto
Le ultime novità sui massimali minimi RC Auto

Quando si stipula un contratto assicurativo bisogna guardare alcuni parametri, come la franchigia e il massimale. Quest’ultimo è stabilito per legge e rappresenta l’importo massimo erogabile dalla compagnia assicurativa in caso di sinistro. Dall’11 giugno 2022 questi importi sono stati aggiornati e aumentati, assicurando un margine di garanzia più ampio per i contraenti.

Infatti, come indicato dall'articolo 128 del Codice delle Assicurazioni, dalle 24 dell’11 giugno si è verificato un adeguamento degli importi per:

  • Danni alle persone: da 6,07 milioni di euro a 6,45 milioni;
  • Danni alle cose: da 1,22 milioni a 1,3 milioni di euro.

Per l’entrata in vigore ufficiale di questa novità, però, si attende un provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE): solo allora i nuovi massimali diventeranno esecutivi, consentendo l’indennizzo di danni di entità superiore rispetto a quelli coperti fino a poco fa.

Danni a carico dell’assicurato e aumento del massimale

Il massimale, come sottolineato precedentemente, è l’importo massimo che la compagnia assicurativa liquida in caso di sinistro con danni alle persone o alle cose. Nel caso in cui l’entità del danno dovesse superare il massimale, la differenza sarà a carico dell’assicurato responsabile del sinistro – a cui si aggiunge, l’anno successivo, anche l’aumento del premio assicurativo secondo il sistema bonus-malus, dovuto alla perdita di classe di merito -.

L’importo del massimale, però, può essere incrementato dalle compagnie, per questo si parla di “massimali minimi” stabiliti per legge. L’aumento prevede un maggior margine di copertura e, dunque, viene offerto dietro pagamento di un premio assicurativo più elevato. Questa può essere un’ottima scelta in caso di sinistri particolarmente gravi che richiederebbero un lauto risarcimento.

Confronta le migliori RC Auto e risparmia Fai subito un preventivo

Danni non coperti: garanzia Infortuni del conducente

Non tutti i danni sono coperti dall’assicurazione: anche in questo caso è la legge a definirne la tipologia.

I danni alle cose, ad esempio comprendono:

  • Veicoli in sosta;
  • Oggetti di pubblica utilità.

I danni alle persone, invece, escludono il responsabile del sinistro, e includono solo:

  • Conducenti coinvolti, non responsabili del sinistro;
  • Passeggeri;
  • Pedoni.

Il guidatore responsabile, dunque, per essere tutelato dall’assicurazione dovrebbe aver attivato la garanzia accessoria infortuni del conducente. Questa polizza, infatti, è studiata proprio per coprire eventuali danni del conducente responsabile di un incidente e può essere attivata a patto che si corrisponda un premio aggiuntivo. È particolarmente indicata per chi percorre molti chilometri e per richiederla è necessario semplicemente fornire:

  • Copia del codice fiscale;
  • Copia del documento di identità;
  • Libretto del veicolo.

L’attestato di rischio, invece, verrà recuperato dalla società assicurativa. La copertura è disponibile in due versioni, nominale o estesa: la prima copre solo gli infortuni nel caso in cui il conducente sia anche il proprietario del veicolo, mentre la seconda copre tutti i conducenti abilitati alla guida del veicolo.

Risparmiare sulla RC Auto

Scegliere la polizza assicurativa che fa al caso proprio e che permetta di risparmiare, senza rinunciare ad una copertura più ampia, è possibile. CercAssicurazioni.it consente di confrontare le migliori RC Auto sul mercato e di individuale facilmente l’assicurazione più vantaggiosa per le proprie necessità.

A cura della Redazione