Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Contratto base: come cambia la polizza RC Auto?

Da gennaio 2021 sarà operativo il nuovo contratto base per l’RC Auto, un modello di polizza standard che tutte le compagnie dovranno offrire. I clienti saranno maggiormente tutelati perché ogni contratto conterrà delle clausole minime per adempiere all’obbligo assicurativo di legge.

Pubblicato il 22/12/2020

Il decreto legge numero 179 del 2012 ha stabilito un nuovo modello di contratto base di assicurazione, che sarà operativo dal primo gennaio 2021.

Il contratto base conterrà le clausole minime necessarie per adempiere all’obbligo dell’RC Auto per il proprio veicolo, in modo da garantire agli utenti una scelta contrattuale più trasparente e consapevole. Si tratta dunque di un modello standard di polizza che dovrà essere offerto da tutte le compagnie: lo schema contrattuale di base prevede anche delle condizioni aggiuntive, come le clausole limitative o di ampliamento della copertura assicurativa, che saranno specificate in una sezione a parte.

Clausole necessarie

Il contenuto necessario prevede i seguenti elementi:

  • l’oggetto del contratto;
  • le ipotesi di esclusioni della copertura assicurativa e la rivalsa;
  • le ipotesi di dichiarazioni false e reticenti del contraente;
  • l’estensione territoriale dell’assicurazione;
  • la durata e la decorrenza della polizza;
  • le vicende del contratto in caso di trasferimento della proprietà del veicolo;
  • le modalità di denuncia del sinistro e di gestione delle controversie;
  • le condizioni per l’applicazione del bonus-malus.

Le condizioni aggiuntive

La compagnia può inserire queste condizioni nel contratto base su richiesta del contraente, al fine di limitare o estendere il rischio della copertura e dunque di diminuire o aumentare il premio.

Tra le varie condizioni troviamo:

  • la guida esperta (riservata a categorie di assicurati che superano una certa età);
  • la guida esclusiva del veicolo (riservata al solo assicurato);
  • l’installazione della scatola nera;
  • l’ispezione preventiva del veicolo da parte della compagnia;
  • l’adozione di sistemi di rilevamento del tasso alcolemico (un dispositivo che impedisce la messa in moto del veicolo);
  • l’aumento del massimale minimo previsto per legge;
  • la rateizzazione del pagamento del premio assicurativo;
  • la sospensione della copertura assicurativa.

Stop anche al risarcimento in forma specifica

Non saranno più ammesse clausole che limitino il risarcimento nel caso in cui il cliente decida di far riparare il mezzo da un professionista di fiducia. “Fino a oggi”, spiega in una nota il Movimento consumatori, “le compagnie hanno previsto postille che, violando il codice delle assicurazioni, prevedevano penali di questo tipo. Ma ora non è più possibile: l’assicurato può scegliere la carrozzeria di fiducia per ottenere una riparazione a regola d’arte del proprio mezzo di trasporto, indispensabile per la sicurezza stradale e per la resa estetica dei lavori”.

L’importanza di comparare

Il contratto base consentirà agli utenti di trovare la polizza più conveniente secondo le proprie esigenze, a parità di tutele offerte.

A tal proposito, ricordiamo che per individuare la tariffa giusta è bene affidarsi a CercAssicurazioni.it, il portale che permette di confrontare le migliori polizze auto, moto e autocarro offerte dal mercato assicurativo.

Un esempio? Ipotizziamo la richiesta di una assicurata 35enne di Genova (impiegata, single, percorrenza di 15 mila chilometri annui, guidatore unico in prima classe di merito, patente mai sospesa, nessun sinistro negli ultimi 5 anni) che vuole stipulare una polizza per una Peugeot 208 BlueHDI 75 5 porte Active immatricolata nel dicembre del 2017.

Il preventivo migliore, al 22 dicembre, è quello di Verti, che propone un prezzo annuo di 357,97 euro e un massimale è di 7 milioni di euro per i danni alle persone e 2,5 milioni di euro per quelli alle cose. Ad oggi, Verti applica sempre la guida esperta: dunque, il veicolo sarà guidabile dal proprietario e da tutti i maggiori di 23 anni. L’assicurazione copre anche la responsabilità civile per i danni causati a terzi dal traino di eventuali rimorchi e dalla circolazione in aree private, non aperte al pubblico.

A cura di: Enrico Campanelli

Testo da aggiungere