Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Auto ferma in strada: va assicurata?

L’automobile posteggiata su strada pubblica deve essere coperta dall’assicurazione: per i trasgressori c’è una multa e il sequestro del veicolo. L’unica soluzione possibile per tenere la vettura senza assicurazione è di parcheggiarla in un garage o in un’area privata.

Pubblicato il 12/03/2021

Chi circola su strada pubblica con una vettura deve essere sempre coperto da un’assicurazione RC Auto. L’obbligo è stabilito dall’articolo 193 del Codice della Strada: il concetto di circolazione comprende anche la sosta, in quanto l’auto parcheggiata può essere coinvolta in un sinistro. La polizza, dunque, deve essere attiva anche se la vettura è posteggiata in strada.

Auto parcheggiata senza assicurazione: cosa si rischia?

Secondo una sentenza della Quarta sezione della Corte di Cassazione, sono legittime le sanzioni per i veicoli senza assicurazione lasciati in parcheggi non privati. Dunque, le forze dell’ordine possono sequestrare il mezzo e multare il proprietario per un importo che varia da 848 a 3.396 euro.

I costi per regolarizzare la situazione non sono dunque trascurabili: tuttavia, il trasgressore può usufruire di una riduzione pari alla metà della sanzione se provvede a versare il premio assicurativo entro 15 giorni dalla contestazione della violazione. Stesso bonus qualora intenda provvedere alla sua demolizione, con un tempo di 30 giorni dalla data del verbale per completare le operazioni di radiazione del mezzo dal PRA (Pubblico Registro Automobilistico).

L’unica soluzione per tenere l’auto senza assicurazione (e non essere quindi sanzionati) è di parcheggiarla in un garage o un’area privata. Ricordiamo che se l’auto in sosta in un luogo privato dovesse essere rubata, la responsabilità di eventuali atti criminosi commessi con quella vettura non ricadrebbero sul proprietario.

Niente sanzioni se l’assicurazione è scaduta da meno di 2 settimane

L’assicurato può avvantaggiarsi del cosiddetto periodo di tolleranza, che a partire dalla data di scadenza dell’RC Auto rende la copertura attiva per ulteriori 15 giorni.

Ad esempio, se l’RC Auto scade alla mezzanotte del 11 marzo 2021, l’automobilista è coperto dalla compagnia fino alle ore 24 del 26 marzo.

Meglio assicurarsi in tempo

Dunque, per non incorrere sanzioni è sempre bene avere una copertura attiva. Ricordiamo che individuare la migliore assicurazione sul mercato è semplice: attraverso CercAssicurazioni.it si può scegliere l’assicurazione auto più conveniente per il proprio profilo di assicurato. In più, l’utente può personalizzare i preventivi ottenuti selezionando le garanzie accessorie in base alle proprie esigenze.

Facciamo un esempio. Ipotizzando al 12 di marzo la richiesta di un generico utente (commerciante 45enne di Milano che assicura una Opel Corsa 1.4 90 CV GPL Tech Advance immatricolata nel 2018, prima classe di merito da più anni, patente mai sospesa, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 20.000 chilometri): si scopre che il miglior prezzo è quello praticato da Verti, 261,78 euro.

La compagnia prevede una copertura con formula di guida esperta, che ammette solo guidatori con più di 23 anni. Il massimale è di 7 milioni di euro per i danni alle persone e 2,5 milioni di euro per quelli alle cose, con l’assicurazione che copre anche la responsabilità civile per i danni causati a terzi dalla circolazione in aree private (non aperte al pubblico).

Auto in strada senza assicurazione: cosa fare se incidentata?

La vettura abbandonata a seguito di un sinistro (che la rende inutilizzabile) viene considerata come rifiuto da smaltire. Per cui il proprietario non è obbligato a dover stipulare l’assicurazione: tuttavia, dovrà provvedere alla demolizione dell’auto, pena una sanzione fino a 6 mila euro per mancata rimozione di un rifiuto considerato pericoloso.

A cura di: Enrico Campanelli