Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
logo cercassicurazioni.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Moto elettriche: gli incentivi della città di Milano

Il Comune di Milano consente ai residenti di usufruire di un incentivo fino a tremila euro per l’acquisto di nuovi motocicli e ciclomotori a zero emissioni. Il bonus, erogato solo con contestuale rottamazione di un veicolo inquinante, è valido fino a fine anno.

Pubblicato il 23/09/2022
scooter elettrico in carica

Agevolazioni per i motociclisti residenti nel Comune di Milano.

Coloro che acquistano un motociclo o un ciclomotore elettrico possono usufruire di uno sconto del 60% sul prezzo di listino, per un importo fino a 3.000 euro, approfittando degli incentivi 2022 messi a disposizione dall’amministrazione cittadina. I bonus per i veicoli a zero emissioni sono erogati solo in caso di contestuale rottamazione di una moto con motore a due tempi fino alla classe Euro 3, oppure con motore a quattro tempi fino a Euro 2.

Gli acquirenti beneficiari degli incentivi possono essere solo privati cittadini maggiorenni che non devono:

  • avere in corso contenziosi con l’amministrazione comunale relativamente a erogazioni di contributi;
  • aver fruito di ulteriori contributi per l’acquisto di veicoli ecologici negli ultimi 36 mesi.

L’incentivo, disponibile fino al 31 dicembre 2022, è cumulabile con gli incentivi statali.

A proposito di bonus statale: a quanto ammonta?

In questo caso lo sconto è pari al 40% del prezzo di listino della moto, ma fino a un massimo di 4.000 euro IVA esclusa (4.880 euro in tutto) e con contestuale rottamazione di un veicolo della categoria L omologato nelle classi fino a Euro 3. Senza rottamazione, l’incentivo scende al 30% del prezzo d’acquisto e fino a massimo di 3.000 euro (3.660 IVA inclusa).

Per ricevere il bonus basterà rivolgersi alla concessionaria, che potrà prenotarlo solo dopo essersi registrata alla piattaforma messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico. In questo modo, il venditore potrà riconoscere l’incentivo all’acquirente, ottenendo il rimborso dalla Casa costruttrice.

Confronta le migliori RC moto e risparmia fai subito un preventivo

Perché acquistare una moto elettrica?

Questa tipologia di due ruote è sempre più diffusa. I dati diffusi da ANCMA, Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, evidenziano che nei primi otto mesi del 2022 sono stati immatricolati 11.953 motocicli e ciclomotori elettrici, il 69,3% in più di quelli venduti tra gennaio e agosto del 2021 (7.000 esemplari).

Le moto a zero emissioni offrono diversi vantaggi. A livello di propulsore, sono dotati di trasmissione diretta della coppia che è esente da manutenzione ordinaria: per questi mezzi non è necessario cambiare l’olio motore e il relativo filtro, oppure sostituire candele o frizione. Sono veicoli che eliminano la combustione, per cui le emissioni di gas inquinanti sono pari a zero.

Inoltre, i proprietari di una moto elettrica beneficiano dell’esenzione dal bollo e di una tariffa RC più bassa rispetto a una moto a carburante tradizionale.

Moto elettriche a Milano: ma quanto costa assicurarle?

Grazie a CercAssicurazioni.it, il portale che individua l'assicurazione moto più economica sul mercato, è possibile farsi un'idea di quanto si può spendere per il premio annuale. Ad esempio, supponiamo la richiesta di un generico motociclista (42enne, coniugato, prima classe di merito da almeno due anni, patente mai sospesa, nessun sinistro negli ultimi cinque anni, percorrenza media di 5.000 chilometri ogni 12 mesi) che vuole assicurare uno scooter elettrico KRC Fox (immatricolato nel 2022).

La polizza più conveniente, al 23 di settembre, arriva da Verti, che applica un premio per l'anno di 144,12 euro. Verti offre una formula di guida esperta, che ammette alla guida del mezzo tutti i conducenti con età maggiore di 23 anni; l'assicurazione prevede un massimale di 7 milioni di euro per i danni alle persone e 2,5 milioni di euro per quelli alle cose e copre anche la responsabilità civile per i danni causati a terzi dalla circolazione in aree private, non aperte al pubblico.

A cura di: Enrico Campanelli