Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Assicurazione casa: cosa si può detrarre dal 730?

È possibile detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 19% delle spese pagate per i premi sulle assicurazioni che coprono il rischio di eventi calamitosi. L’ agevolazione si applica esclusivamente alle polizze stipulate a partire dal primo gennaio del 2018.

Pubblicato il 27/05/2021
Detrazione delle spese per l'assicurazione casa

L’assicurazione sulla casa è una garanzia che copre i danni che si possono verificare all’abitazione e ai beni in essa contenuti.

Negli ultimi anni è cresciuto il numero di italiani che hanno deciso di sottoscriverla: per questo motivo, l’attuale legislazione garantisce a chi la stipula dei vantaggi fiscali. In particolare, la normativa consente di detrarre dalla dichiarazione dei redditi il 19% del premio versato per le polizze che coprono eventi calamitosi, come ad esempio terremoti e alluvioni.

Si tratta di un’agevolazione prevista per le assicurazioni sottoscritte (oppure rinnovate) dopo il primo gennaio del 2018: questo tipo di detrazione non prevede alcun limite di spesa e si applica alle unità immobiliari residenziali e alle relative pertinenze (quali ad esempio il garage).

Ricordiamo che la detrazione spetta al solo contraente dell’assicurazione casa, indipendentemente da chi è l’intestatario dell’immobile oggetto del contratto.

Assicurazione sulla casa: quali rischi copre?

Una polizza per la casa garantisce gran parte dei rischi connessi alla proprietà: oltre agli eventi calamitosi, l’assicurazione copre il furto, l’incendio, i danni e la responsabilità civile. Queste categorie possono essere acquistate separatamente o in modo combinato, a seconda delle preferenze o delle esigenze del contraente della polizza.

È importante, quindi, che alla stipula del contratto il cliente sia informato di quali garanzie sono comprese nella polizza, in modo da poter valutare se sono quelle più adatte al proprio profilo di assicurato. Ad esempio, può essere vantaggioso sottoscrivere un’assicurazione che copre il furto se la casa è situata in un quartiere preso di mira dai malviventi, mentre tutelarsi contro le calamità potrebbe rivelarsi non necessario se il territorio in cui l’immobile è situato non è considerato a rischio di eventi naturali.

L’assicurazione casa non è obbligatoria. Può essere imposta solo in caso di accensione di un mutuo, con la banca che prevede una polizza scoppio e incendio sull’immobile per proteggere il proprio diritto ad essere risarcita (rappresenta l’unica garanzia concreta a tutela del finanziamento).

Assicurazione casa: come sceglierla?

A tal proposito, è bene non dimenticare che la migliore assicurazione casa si può cercare su CercAssicurazioni.it, il portale che consente di confrontare i preventivi più convenienti e che offrono la maggiore protezione.

Una delle coperture acquistabili sul portale è Genertel Quality Home & Care. La compagnia offre la possibilità di scegliere tra diverse garanzie, quali l’RC proprietà e famiglia, il furto e danni da furto, l’assistenza specializzata in caso di emergenza, i danni ai locali e al contenuto, la tutela legale in caso di controversia e gli infortuni domestici e del tempo libero. La polizza può essere acquistata anche in piccole rate mensili che partono da 10 euro al mese, usando una carta di credito non prepagata.

Molto conveniente anche la proposta di Verti, con Casa e famiglia. Si tratta di una polizza il cui prezzo parte da 56 euro per le garanzie danni alla casa e danni al contenuto. La polizza Casa e Famiglia rappresenta il modo più semplice e conveniente per garantire la massima protezione possibile per l’abitazione e per la propria famiglia.

A cura di: Enrico Campanelli