Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
logo cercassicurazioni.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Rinnovo patente auto e moto: quando scade la proroga Covid?

Le patenti di guida scadute nel periodo compreso tra il 31 gennaio 2020 e il 31 marzo 2022 sono valide fino al 29 giugno 2022. La proroga riguarda anche il foglio rosa, il permesso che permette di esercitarsi alla guida dell’auto o della moto in vista della prova pratica.

Pubblicato il 21/04/2022
ragazzo al volante di un'auto che mostra la patente
Proroga patente per Covid: le scadenze

L'emergenza sanitaria da Coronavirus ha portato l’esecutivo a varare diverse proroghe per gli automobilisti, alcune ancora valide anche dopo la fine dello stato di emergenza.

Una di queste riguarda la patente di guida: in particolare, le licenze scadute tra il 31 gennaio 2020 e il 31 marzo 2022 conservano la loro validità fino al 29 giugno 2022, una data quest’ultima valida solo per gli spostamenti sul territorio nazionale.

Questo termine è valido anche per il foglio rosa, il documento che permette di esercitarsi alla guida dell’auto o della moto: dunque, se scaduto nel periodo 31 gennaio 2020/31 marzo 2022 continuerà ad essere valido fino al 29 giugno 2022.

Patente auto e moto: ogni quanto rinnovarla?

Il rinnovo della patente è una procedura che deve essere effettuata con cadenze differenti a seconda dell’età del guidatore e del tipo di licenza di guida posseduta.

La patente di tipo A, per condurre i motocicli, e B, necessaria per autovetture e motoveicoli di cilindrata non superiore ai 125 centimetri cubici, deve essere rinnovata ogni 10 anni per i guidatori fino ai 50 anni di età. Il periodo scende a ogni 5 anni per i soggetti che hanno tra i 51 e i 70 anni, ogni 3 anni per le età comprese tra i 70 e gli 80 anni e ogni 2 anni per gli ultraottantenni.

Confronta le migliori RC auto e risparmia fai subito un preventivo

È proroga anche della revisione auto

Il Governo ha rinviato anche le scadenze della revisione di 10 mesi, un periodo che si è applicato solo agli autoveicoli che avrebbero dovuto eseguire l’ispezione tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021. L’ultima proroga ancora in vigore è quella che riguarda le revisioni scadute nel solo mese di giugno 2021, che dovranno essere sostenute entro e non oltre il 30 aprile 2022.

Ricordiamo che il mancato sostenimento della revisione fa rischiare una sanzione amministrativa compresa tra i 173 e i 695 euro, nonché la sospensione della circolazione dell’auto o della moto fino ad avvenuta ispezione (con esito positivo). In più, il guidatore sorpreso ad utilizzare un mezzo già sospeso dalla circolazione è soggetto a una sanzione amministrativa di importo fino a 7.837 euro, oltre al fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi (o 90 giorni).

Coloro che circolano senza revisione devono fare i conti anche con l’eventuale diritto di rivalsa da parte della compagnia assicurativa in caso di responsabilità di un sinistro. La compagnia potrà quindi richiedere la restituzione delle somme pagate nei confronti degli altri soggetti coinvolti nell’incidente.

Auto e moto: un consiglio per scegliere l’assicurazione

La polizza giusta si trova su CercAssicurazioni.it, il comparatore online con cui è possibile individuare i preventivi RC Auto e RC Moto più adatti alle proprie esigenze e che consentono di risparmiare diverse centinaia di euro.

Facciamo alcuni esempi. Ipotizziamo la stipula di un contratto per una moto – modello Kymco People 300 immatricolato nel 2010, di proprietà di un assicurato 65enne residente SAINT PIERRE (coniugato, tredicesima classe di merito, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, patente mai sospesa, percorrenza media di 3.000 chilometri l’anno) – e un’auto – modello Ford Focus C-Max diesel (immatricolato nel 2007) di proprietà di una automobilista 49enne di Porcia (coniugata, prima classe di merito da almeno due anni, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, patente mai sospesa, percorrenza media di 20.000 chilometri l’anno).

Per entrambi, il preventivo con il miglior prezzo (aggiornato al mese di aprile) lo propone la compagnia Linear, che fa pagare 133,84 per la moto e 178,97 euro per l’auto. La polizza di Linear applica una formula di guida libera, che consente la guida della moto a qualunque conducente abilitato, e un massimale di 6,07 milioni per i danni alle persone e 1,22 milioni di euro per quelli alle cose.

A cura di: Enrico Campanelli