Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
logo cercassicurazioni.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Franchigia

Aggiornato il 16/04/2021

La franchigia è una clausola contrattuale che limita, sul piano quantitativo, la garanzia prestata dall’assicuratore, facendo sì che una parte del danno rimanga a carico dell’assicurato.
La franchigia, di regola espressa con un importo fisso, si applica sulla somma da liquidare ed il suo ammontare è quindi definibile a priori.

La franchigia può essere assoluta o relativa. La prima prevede che la somma a carico dell’assicurato si debba sottrarre dall’ammontare totale corrisposto dalla compagnia assicurativa per il risarcimento. La seconda, invece, indica il limite massimo di spesa entro il quale l’assicurato deve provvedere autonomamente alla riparazione del danno subito: oltre tale somma, la franchigia viene annullata e il rimborso da parte della compagnia assicurativa avviene in maniera integrale.

Il funzionamento delle due diverse clausole può essere più chiaro con un semplice esempio. Ipotizziamo che per una polizza RC Auto la franchigia assoluta ammonti a 300 euro: se nel corso del sinistro stradale si provocano danni a terzi per 250 euro, l’assicurato sarà tenuto a sborsare quest’ultima cifra in quanto inferiore all’ammontare della franchigia. Qualora invece si causi un danno superiore alla franchigia assoluta, ad esempio 700 euro, l’assicurato sarà tenuto a risarcire di tasca propria i 300 euro della clausola, mentre la compagnia avrà a suo carico i restanti 400 euro. Se invece la franchigia è relativa, un danno a terzi di 250 euro sarà corrisposto dall'assicurato, mentre un risarcimento di 700 euro porta l'assicuratore a rispondere dell'intero danno.

La franchigia si differenzia dallo scoperto, che è espresso in percentuale: il suo ammontare non è quindi definibile a priori. Essendo espresso in percentuale sull'ammontare del danno, lo scoperto non può essere calcolato preventivamente, ma solo dopo che l’incidente si è verificato. Nella maggior parte dei casi le compagnie assicurative inseriscono nella polizza assicurativa un minimo e un massimo di scoperto che le stesse sono disposte a coprire.

Termini correlati