Altri marchi del Gruppo:
MutuiOnline.it
PrestitiOnline.it
Segugio.it
logo cercassicurazioni.it
Chiama gratis Assistenza Gratuita800 999 565

Risarcimento diretto: cos’è e come funziona

Il risarcimento diretto corrisponde a una delle due opzioni previste per l’ottenimento dell’indennizzo in seguito a un incidente stradale. È, in particolare, la procedura che consente di ottenere il risarcimento dei danni subiti direttamente dalla propria Compagnia, nel caso in cui non si sia responsabili dell’incidente.

Le condizioni per applicare il risarcimento diretto in seguito a un sinistro

Il risarcimento diretto è entrato in vigore a partire dal 1° febbraio del 2007 e ha consentito di snellire le procedure con cui le compagnie assicurative provvedono all’indennizzo del danneggiato in seguito a un incidente. Costui può infatti rivolgersi direttamente alla propria compagnia assicurativa dopo aver fatto la constatazione amichevole di incidente: in questo modo di accorciano i tempi per il risarcimento.

Ci sono però una serie di condizioni che si devono verificare affinché la procedura del risarcimento diretto possa essere applicata, e cioè:

Inoltre, altri casi specifici in cui si applica il regime di risarcimento diretto si verificano quando:

Quando non si verificano le precedenti condizioni, si applica la procedura del risarcimento ordinario e il danneggiato si deve rivolgere direttamente al danneggiante e alla sua compagnia assicurativa.

Applicazione del risarcimento diretto. I documenti

Per poter richiedere il risarcimento diretto per danni subiti dal veicolo, per danni fisici lievi del conducente (inferiori al 9% di permanente invalidità) o per danni alle cose trasportate, il danneggiato dovrà presentare alla propria assicurazione una documentazione dettagliata e provvista di quante più informazioni possibili sulla dinamica del sinistro. A ciò tornerà utile il Modulo Blu, che se compilato correttamente contiene già tutti i dati sull’incidente e quelli anagrafici degli assicurati. 

È inoltre necessario rendere noto il luogo dove i veicoli o le cose danneggiate sono a disposizione per la perizia, mentre nel caso di lesioni personali va prodotta anche tutta la documentazione medica che attesti l’entità delle lesioni subite e l’avvenuta guarigione, oltre a un’eventuale consulenza medica di parte. 

Tempistiche per ottenere il risarcimento diretto

Una volta ricevuta tutta la documentazione da parte del danneggiato, la compagnia assicurativa ha delle tempistiche da rispettare per proporre un’offerta di indennizzo per i danni subiti. Sia che sia applicato il risarcimento diretto o il risarcimento ordinario, le tempistiche da rispettare sono le stesse, e cioè:

Se la proposta di indennizzo viene accettata dal danneggiato, la somma viene versata dalla Compagnia assicurativa in 15 giorni; se invece la proposta non viene ritenuta soddisfacente, al danneggiato è offerta la possibilità di avviare una procedura di conciliazione attraverso una associazione dei consumatori.