Come funziona la polizza contro il furto nelle abitazioni

Con le vacanze estive riesplode il problema dei furti d'appartamento: un fenomeno che in realtà riguarda tutto l'anno, ma che puntualmente si aggrava quando molte case non sono abitate. Oltre all'adozione di adeguate misure di prevenzione, un'efficace protezione contro questo rischio è offerta dall'apposita garanzia, disponibile nelle polizze assicurative per la casa e la vita familiare.

La copertura rimborsa i danni che derivano dal furto e dalla rapina dei beni che si trovano nell'abitazione, le spese per riparare i guasti arrecati a locali e infissi (anche in caso di tentativo andato a vuoto) e quelli prodotti da atti vandalici. Il risarcimento avviene nei limiti della somma assicurata indicata nel contratto: regole particolari sono previste per gioielli, orologi, preziosi e somme di danaro, che vengono risarciti anche se il furto avviene nell'alloggio affittato per le vacanze. Sono coperti anche lo scippo e la rapina di beni (con l'eccezione del denaro) avvenuti all'esterno del fabbricato assicurato.

La polizza furto può offrirti quindi un'efficace protezione contro questo rischio, ma devi tener presenti alcuni aspetti. Tutte le aperture dell'abitazione devono essere protette da adeguati mezzi di chiusura (le caratteristiche sono indicate nel contratto) e non sono rimborsati i furti avvenuti in locali disabitati da un determinato numero di giorni (generalmente cinquanta). In caso di furto, rapina o scippo, è necessario naturalmente presentare denuncia all'autorità di polizia e allegarne una copia alla comunicazione sul sinistro da mandare alla compagnia assicuratrice.

Preventivo casa