Franchigia

La franchigia in una polizza indica la parte del danno non coperto dall'assicurazione, ma a carico diretto dell'assicurato. L'ammontare del premio assicurativo (la cifra da pagare alla compagnia in cambio della copertura) non è perciò l'unico parametro economico da prendere in considerazione per decidere la convenienza di una polizza.

Dobbiamo in tutti i casi chiarire che in caso di incidente con colpa sarà la compagnia prima a pagare tutto il risarcimento dovuto e solo successivamente la medesima richiederà all'assicurato la somma che questi si era impegnato a sostenere in caso di sinistro con responsabilità (cioè la franchigia).

Conviene verificare sempre l'importo della franchigia o di altri eventuali "scoperti": se sono molto bassi, possono fare la differenza e rendere conveniente una polizza rispetto ad un'altra che poteva non sembrarlo, sia sulla RCA sia sulla furto e incendio.

Anche nei contratti del ramo "rischi diversi", come le polizze kasko o furto-incendio, la franchigia indica la soglia minima a partire dalla quale si calcola l'indennizzo.