Il mercato dell'auto crolla e le assicurazioni cambiano

Logo LASTAMPA.itCalano le Rc Auto legate all'acquisto di auto nuove, va meglio per l'usato. Tempi duri per il mercato dell'auto. Le vendite di autovetture calano, precipitando ai volumi minimi dal 1995, e il mercato delle polizze auto si ridefinisce di conseguenza, virando verso la sottoscrizione di contratti legati all'usato.

Dati chiarissimi
Se il 75% dei concessionari lamenta una bassa affluenza di visitatori nei saloni espositivi e addirittura l'85% annuncia di aver raccolto pochi ordini (dati relativi a ottobre raccolti dall'inchiesta mensile del Centro Studi Promotor GL events), all'interno del mercato Rc Auto si ridefiniscono percentuali e confini. L'ultima analisi mensile dell'Osservatorio Assicurazioni Auto del portale Cercassicurazioni.it (specializzato nella comparazione online delle polizze auto) rivela che le richieste per polizze auto nuove sono in forte calo.

Come risulta dalla rilevazione, a ottobre la domanda di polizze per auto nuove è calata dal 9,9% (dati del primo trimestre 2010) al 4,5% attuale. Nello stesso periodo, però, si è evidenziata una marcata crescita per quel che riguarda l'acquisto di polizze assicurative legate all'acquisto di auto usate, passate dal 14,8% di inizio anno al 17,3% di ottobre.

Una facile spiegazione
Guardando all'andamento del comparto dell'automobile, le variazioni interne al settore Rc-auto si spiegano facilmente. Nel nostro Paese, infatti, nel mese di ottobre le vendite di auto sono crollate del 28,8% circa su base annua, calando in termini assoluti di 139.740 unità. Eugenio Razzelli, presidente di ANFIA (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), guarda con aria sconsolata all'evolversi dello scenario: "Le difficoltà per il mercato dell'auto non sono ancora finite. I volumi immatricolati a ottobre 2010 sono i più bassi per questo mese dal 1995 e ci troviamo di fronte alla flessione più pesante dall'inizio dell'anno".(fonte: LASTAMPA.it - 11 novembre 2010)